Viaggio nell’antica Capua

Viaggio nell’antica Capua

0 814

SANTA MARIA CAPUA VETERE – (Salvatore Giordano) – Definita da Cicerone “Altera Roma”, la città di Capua, fu fondata dagli Etruschi nell’803 a.C. vicino ad un’ansa del fiume Volturno.

Oggi la città di Santa Maria Capua Vetere, conserva i fasti dei tempi che furono; ne sono testimonianza: l’Anfiteatro Campano, l’Arco Adriano, il Mitreo, le diverse Domus venute alla luce nel corso degli anni, la Conocchia e le Carceri Vecchie che si ergono sulla Via Appia i cui lavori terminarono nel 190 a.C.

L’Anfiteatro Campano, ubicato nella Piazza I Ottobre, è la seconda arena romana più grande al mondo, secondo per dimensioni solo al Colosseo. Fu eretto sotto Augusto nel I sec. a.C. Ospitava una delle più importanti scuole gladiatorie di tutto l’Impero. Da qui proveniva Spartaco, che nel 73 a.C. capeggiò la rivolta degli schiavi che sfidarono Roma.

Il suo aspetto attuale è dovuto ai danni provocati dai Vandali e dai Saraceni oltre al fatto che venne usato come cava di materiali, infatti oggi le sue colonne e i suoi marmi si possono ammirare in molti dei palazzi gentilizi che si trovano in giro per la città.

L’Arco Adriano, sorge a poche centinaia di metri dall’Anfiteatro e venne eretto nel 130 d.C. in onore dell’imperatore Adriano, sulla Via Appia. Originariamente l’Arco era costituito da tre arcate ornato da marmi e pietra calcarea bianca.

Sempre nelle vicinanze dell’Anfiteatro è possibile ammirare uno dei più belli e meglio conservati “templi” dedicati all’adorazione del dio Indo-Iraniano Mitra. Si tratta di una cavità a pianta rettangolare sormontata da una volta a botte, decorata con stelle ad otto punte rosse e ble su uno sfondo giallo. La parete di fondo è decorata con un affresco che ritrae il dio Mitra nell’atto di uccidere un toro.

Numerosi, inoltre, sono stati i ritrovamenti di oggetti risalenti all’epoca romana ed etrusca durante gli scavi per la realizzazione delle più disparate opere edilizie. Tutti questi oggetti sono oggi conservati nel Museo Archeologico dell’Antica Capua.

 

NO COMMENTS

Leave a Reply