L’energia ‘’spirituale’’ dei Nirvana

L’energia ‘’spirituale’’ dei Nirvana

Fonte: fanpop.com
Fonte: fanpop.com

Già dal nome possiamo capire quale fosse l’intento dei fondatori di questo gruppo che è passato alla storia. Nirvana, il raggiungimento dell’estremo piacere, il fine ultimo della vita, l’annullamento di ogni dolore. La band sceglie questo nome nel momento della formazione, nel 1987, un nome che ispira tranquillità e piacere. Scommetto che avrete sentito questo nome almeno una volta nella vita: che abbiate ascoltato uno dei loro fantastici brani in radio, che lo abbiate letto su qualche maglietta in giro, che ve l’abbiano accennato i vostri genitori parlando degli anni della loro gioventù. Nascono quasi per scherzo, sulla scia di un altro gruppo grunge-rock di Seattle, i Melvins. Tanto che nei primi tempi usano addirittura i loro strumenti. Dopo aver pubblicato il 45 giri “Love Buzz/Big Cheese” per l’etichetta simbolo della scena cittadina, la Sub Pop Records, i Nirvana esordiscono nel 1989 con Bleach. Già da questo disco si rivela l’animo e il ruolo fondamentale di Kurt Cobain. Il loro genere è nuovo, brillante, prorompente. Un’ unione di blues-rock, punk, hardcore e hard rock. Il 1991 è l’anno della svolta; la band giunge alla sua formazione definitiva che rimarrà nella storia: Kurt Cobain chitarra e voce, Dave Grohl alla batteria e Chris Novoselic al basso. In quest’anno i Nirvana compongono e pubblicano uno degli album destinati a passare nella storia infinita della musica: Nevermind. L’album che ha consacrato gloria eterna al gruppo. Un album carico di sensazioni, di energia, di protesta, di vita : una perfetta fusione fra musica esistenza , in grado di creare una simbiosi mitica fra artista e pubblico che tocca il suo apice nel singolo “Smell like teen spirit”, canzone che rimarrà negli annali a simboleggiare lo spirito, apatico e sarcastico, di un’intera generazione. Nel 1993 esce il loro ultimo e meraviglioso album: In utero; un mix di sentimenti contrastanti, rabbia e desolazione che si scontrano con urla energiche e vitali. Sembra quasi impossibile che nel giro di così pochi anni tre ragazzi siano riusciti a fare così tanta strada, tanto che pare inverosimile anche ai componenti del gruppo. Concerti, denaro, fama cambiano le loro vite. Quando si arriva ad un certo punto ci sono due tipi di reazioni: quella di coloro che apprezzano e amano la fama, la carriera che pur di rimanere in cima fanno di tutto; poi ci sono quelli che in un certo senso riflettendo arrivano alla conclusione che in fondo la fama e la carriera non sono così necessarie, o almeno non sono la cosa di cui ci si deve nutrire ogni giorno. Perché la fama in fondo è una droga; si inizia pian piano, si prova piacere, ma poi si diventa assuefatti e non si riesce mai più ad uscirne. Forse è proprio quest’enorme senso di responsabilità, di disprezzo per un mondo che non è sincero, non reale, disprezzo per i falsi sentimenti e l’opportunismo che caratterizzano il top che portano Kurt Cobain a togliersi la vita dopo giorni di completa solitudine nella sua casa il 5 aprile del 1994. Di Kurt Cobain, dopo la sua morte, ci sono restate le canzoni, i diari e l’immagine del suo viso delicato, fragile alle sporche leggi del mondo. Uscirà a breve un documentario-film inedito sulla storia di questo magico gruppo, soprattutto sul suo misterioso frontman. Il titolo è ‘’Montage of Heck’’ , diretto da Brett Morgan, raccogliendo anche testimonianze della figlia avuta da Cobain con Curtney Love, Frances Bean Cobain.

(Elena Consorti)

Fonte foto: fanpop.com

SIMILAR ARTICLES

NO COMMENTS

Leave a Reply