Monthly Archives: febbraio 2015

http://media.lab3.se/Flygfoto-Malm%C3%B6-Sk%C3%A5ne.jpg

Svezia, Malmö – (Salvatore Giordano) – La Svezia con le sue città verdi e piene di biciclette è da sempre una nazione sensibile ai problemi ambientali. Non fa eccezione la città di Malmö, con il suo quartiere denominato Bo01.

Un quartiere sostenibile sotto tutti i punti di vista, realizzato nell’ambito del Bo01-European Housing Expo del 2001, intitolato City of Tomorrow, autonomo dal punto di vista energetico e che mira alla costruzione di una “società intelligente”. Costruito nell’area denominata Vastra Hamnen (ovvero Porto Ovest), si sviluppa su una superficie di 120000mq sulla quale sono stati realizzati edifici che vanno da 1 a 6 piani d’altezza. l’unica eccezione è la Turning Torso, progettata dall’architetto Santiago Calatrava, che in virtù dei suoi 54 piani e 190 metri d’altezza costituisce l’elemento di riferimento per tutto il quartiere.

Ogni edificio è dotato di dispositivi che riducono il consumo idrico giornaliero pro capite e recuperano le acque grigie di scarico o quelle piovane per usi diversi da quello potabile, una volta filtrate o depurate.

I rifiuti alimentari provenienti da oltre 200 trituratori installati nei lavelli delle cucine vengono trasformati in biogas per l’energia elettrica e termica. Vi è inoltre un sistema sotterraneo di tubi  di aspirazione che portano i rifiuti direttamente alla periferia del quartiere dove vengono prelevati dai camion, si evita così il transito di questi ultimi all’interno del quartiere stesso.

Oltre alla realizzazione di 800 nuove abitazioni il progetto ha previsto la realizzazione di una centrale eolica situata a 3 Km dal quartiere che gli fornisce cira il 99% dell’energia necessaria. Il restante 1% viene prodotto da celle fotovoltaiche. Le abitazioni hanno un consumo energetico di 105 kW h/mq anno, vale a dire circa la metà della media delle altre abitazioni della città.

Per rispondere ai requisiti di eco sostenibilità del quartiere, in fase di progettazione, si è deciso di ridurre al minimo il traffico motivo per cui le poche strade carrabili sono riservate ai residenti, mentre all’ingresso del quartiere si ha un ampio parcheggio pubblico separato dalla zona residenziale da un corso d’acqua.

Il sistema ciclo-pedonale è quindi quello principalmente utilizzato e si avvale di piste ciclabili e lunghe passeggiate panoramiche. Ovviamente, i collegamenti con l’esterno sono assicurati da un sistema di trasporto pubblico le cui fermate sono disposte a non più di 300 metri di distanza da ogni settore del quartiere. Inoltre gli abitanti hanno la possibilità di prenotare via internet automobili elettriche o a gas, fornite da una compagnia energetica facente parte dei soggetti promotori del quartiere, che sono parcheggiate in un garage ad hoc che provvede a ricaricarle.

Gli edifici che affacciano lungo la banchina vanno a costituire un vero e proprio “limite”, hanno infatti il compito di proteggere l’insediamento dai venti invernali. Gli spazi pubblici e il verde, presente in diverse varianti, come ad esempio quella del parco lineare lungo il canale interno, servono a separare le attività terziarie dal resto dell’insediamento.

Realizzare tutto questo è stato possibile grazie al coinvolgimento dei cittadini nelle scelte progettuali, i quali quindi hanno contribuito alla costruzione dello spazio in cui vivono.

Tutto questo invita ad una riflessione, non possiamo pensare di realizzare case ecologiche, in classe A, se l’ambiente urbano resta inquinato. La lezione ci arriva ancora una volta dai nostri partner europei perchè l’eco-quartiere deve essere un progetto condiviso da amministrazioni comunali, urbanisti, tecnici, progettisti e abitanti, come è appunto avvenuto a Malmö ed in altre città europee.

http://www.archnewsnow.com/features/images/Feature0034_02x.jpg
La pianta del sito – http://www.archnewsnow.com/features/images/Feature0034_02x.jpg
http://www.archnewsnow.com/features/images/Feature0034_03x.jpg
Il plastico della zona di progetto – http://www.archnewsnow.com/features/images/Feature0034_03x.jpg

 

http://cdn.tempi.it/wp-content/tgallery/09_2014/turningtorso11.jpg
Turning Torsohttp – //cdn.tempi.it/wp-content/tgallery/09_2014/turningtorso11.jpg

 

http://karkula.com/media/product_images/Bo01_00.jpg
Vista del corso d’acqua che attraversa il quartiere – http://karkula.com/media/product_images/Bo01_00.jpg

 

http://www.archnewsnow.com/features/images/Feature0034_05x.jpg
Una vista di alcuni edifici – http://www.archnewsnow.com/features/images/Feature0034_05x.jpg

0 754

Il 22 febbraio a Los Angeles si svolgono gli ottantasettesimi Academy Awards, che assegnano 24 premi Oscar per il 2015. In Italia l’evento speciale sarà trasmesso in esclusiva da Sky Cinema: la cerimonia avrà inizio alle 02:30 della notte di lunedì in Italia, quando nella costa ovest americana saranno le 17:30 del giorno precedente.

Esperti e appassionati hanno notato un livello particolarmente alto dei film in concorso quest’anno, e al tempo stesso l’assenza di un colossal capace di vincere in tutte le categorie: questo ha reso il percorso alle nomination e agli Oscar più avvincente degli anni scorsi. Di seguito sono elencati alcuni dei principali film in concorso per le statuette più prestigiose, a partire da quella per il miglior film. Le descrizioni sono accompagnate dal rispettivo punteggio dato dagli utenti di imdb.com. A fondo articolo, un personale toto-oscar sul possibile risultato degli Awards.

american

AMERICAN SNIPER (6 nomination – IMDb: 7,5)

Bradley Cooper (candidato miglior attore) interpreta il cecchino americano Chris Kyle, figura leggendaria dei Navy Seals. Dirige Clint Eastwood, in un viaggio andata e ritorno tra USA e Iraq che sembra non avere fine.

birdman

BIRDMAN (9 nomination – IMDb: 8,1)

Una meta-storia sull’entertainment: Michael Keaton è un attore di Broadway tormentato dal suo passato e dai suoi progetti, che si scontra contro un mondo troppo reale per lui. Nel cast anche Edward Norton e Emma Stone, entrambi candidati attori non protagonisti.

boyhood

BOYHOOD (6 nomination – IMDb: 8,2)

Un film che dura 12 anni: la crescita reale di un bambino, la sua adolescenza, il suo percorso formativo fino al college. Tutto rappresentato dagli stessi attori, dagli stessi volti anno dopo anno, ruga dopo ruga. Un ambizioso progetto del regista Richard Linklater, candidato miglior regista.

grand

GRAND BUDAPEST HOTEL (9 nomination – IMDB: 8,1)

Il regista Wes Anderson è prepotentemente in gara per la statuetta: il film, con una fotografia unica tra le pellicole in concorso, è il romanzo degli eventi di un concierge e del suo fattorino nella fittizia Repubblica di Zubrowka.

imitation

THE IMITATION GAME (8 nomination – IMDb: 8,2)

La storia di Alan Turing e del suo tentativo di decifrare i codici nazisti durante la Seconda guerra mondiale. Benedict Cumberbatch è candidato miglior attore, Keira Knightley è in lizza per miglior attrice non protagonista.

selma

SELMA (2 nomination – IMDB: 7,7)

Che David Oyelowo non sia tra i candidati miglior attore per la sua interpretazione di Martin Luther King è un vero peccato. Selma è in ogni caso tra le pellicole in lizza per il miglior film, e racconta la storia della marcia per il diritto di voto agli afroamericani nel 1965, in Alabama.

theory

THE THEORY OF EVERYTHING (5 nomination – IMDB: 7,8)

Stephen Hawking, le sue scoperte e la sua drammatica vita sono interpretati da Eddie Redmayne, accompagnato da Felicity Jones.

whiplash

WHIPLASH (5 nomination – IMDb: 8,6)

Un thriller musicale, un romanzo di formazione accademica con sfumature di violenza e di psicologia perversa. E’ il ritmo del film a comandare e lo spettatore è costretto a seguirlo e subirlo: si resta a bocca aperta in più punti.

gone

GONE GIRL (2 nomination – IMDb: 8,2)

E’ l’unico film in lista a non essere candidato per il miglior film, ma merita una menzione speciale per l’interpretazione di Rosamund Pike, candidata miglior attrice. Un thriller sull’istituzione del matrimonio e sul rapporto tra mondo pubblico e mondo privato.

 

Il toto-Oscar:

Miglior film: Boyhood

Miglior regista: Richard Linklater (Boyhood)

Miglior attore: Michael Keaton (Birdman)

Miglior attrice: Rosamund Pike (Gone Girl)

Miglior attore non protagonista: J. K. Simmons (Whiplash)

Miglior attrice non protagonista: Emma Stone (Birdman)

Miglior sceneggiatura: Birdman

Miglior sceneggiatura non originale: The Theory of Everything

 

Immagini: fotogrammi dei film

0 500

La comunità internazionale osserva con crescente preoccupazione l’avanzata dello Stato Islamico in Libia. Su richiesta dell’Egitto, che in questi giorni ha lanciato un’offensiva aerea contro i jihadisti, si terrà nelle prossime ore una riunione di emergenza dei 15 membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

La linea espressa in una nota congiunta dalle potenze occidentali è la ricerca di una soluzione politica all’escalation, il che non esclude a prescindere un intervento multilaterale nel quadro di una Risoluzione Onu. Il governo legittimo libico, che controlla ormai soltanto la regione di Tobruk, nell’est del Paese, spinge per un’azione decisa, che difficilmente riceverà già oggi il via libera.

Il clima di incertezza, determinato dalla riluttanza degli USA ad aprire un nuovo fronte nella guerra all’Isis, e da un momento non facile nei rapporti tra Russia e Occidente, sembra destinato a protrarsi per alcune settimane. D’altro canto, una qualunque decisione ( o non decisione) avrà in ogni caso delle conseguenze: a questo punto resta da capire non tanto quale sia la scelta giusta, quanto piuttosto quale sia la meno sbagliata.

ULTIME NOTIZIE

0 359
Oggi  il mondo intero commemora la giornata internazionale contro la violenza sulle donne con iniziative che promuovono la sensibilizzazione  su questo tema. I drappi arancioni sulla facciata del Palazzo Municipale di Curti e...