Ansia da vaccino: 11 morti sospette

Ansia da vaccino: 11 morti sospette

MILANO (Francesco Bongiorno) – Le notizie di epidemie, morti per terapie sbagliate, tragici errori in sala operatoria, sono tra le preferite dei media e del pubblico italiani. Negli ultimi giorni si sono registrate 11 morti tra persone che avevano assunto nelle 48 ore precedenti al decesso un vaccino contro l’influenza di stagione. Il prodotto si chiama Fluad ed è distribuito da una delle più grandi aziende farmaceutiche del pianeta, Novartis. L’agenzia italiana del farmaco  (AIFA) ha in via precauzionale deciso di bloccare l’utilizzo dei due lotti di vaccini sospetti che sono stati distribuiti solo presso le Asl (Aziende sanitarie locali, enti pubblici facenti parte del servizio sanitario nazionale), e non alle farmacie per il commercio al dettaglio.

Purtroppo si sa poco dei singoli casi. Pare che le morti si siano verificate tutte su pazienti anziani e con patologie pregresse, una per evento cardiovascolare avverso e altre due per infiammazione del sistema nervoso centrale. Undici casi sono in ogni caso molto pochi per permettere a chi si occuperà di fare le verifiche, l’Istituto Superiore di Sanità, di stabilire un’eventuale correlazione tra le morti e la somministrazione del vaccino. Sono abbastanza, però, per sollevare un caso nazionale e fermare la somministrazione dei vaccini antinfluenzali, che ogni anno prevengono l’insorgere dell’influenza in pazienti, come gli anziani o persone con ridotte difese immunitarie, per cui questa semplice malattia può risultare letale.

NO COMMENTS

Leave a Reply